Castelgomberto “Comune amico delle api” – Adesione alla Campagna CooBEEration

Il Comune di Castelgomberto, con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 28 maggio 2020, è diventato “Comune amico delle api” aderendo alla “Campagna CooBEEration – Apicoltura Bene Comune”, impegnandosi in particolare a:

  1. sostenere nella propria comunità locale lo sviluppo delle attività apistiche in maniera diffusa sul territorio, come opportunità di reddito e inclusione sociale;
  2. includere e incrementare nella pianificazione del verde pubblico la coltivazione di specie vegetali gradite alle api;
  3. porre grande attenzione ai trattamenti sulle alberate cittadine evitando il loro utilizzo in fioritura e in presenza di melata;
  4. ridurre progressivamente, fino ad eliminarlo, l’uso di erbicidi nella manutenzione dei cigli stradali e negli spazi verdi pubblici;
  5. promuovere una riflessione e un dibattito sia all’interno del Consiglio Comunale sia nella comunità locale coinvolgendo i cittadini e i principali portatori di interesse, sull’utilizzo degli agro farmaci in agricoltura e sul loro impatto sull’ambiente e sulla salute, e su possibili strategie di valorizzazione e salvaguardia del territorio che passino attraverso il recupero e l’adozione di buone pratiche agricole incentrate sulla sostenibilità;
  6. considerato l’art. 4 della Legge nazionale Disciplina dell’Apicoltura n. 313/2004, impegnarsi a far rispettare l’art. 9, comma 4, della relativa legge della Regione Veneto n. 23/1994, che vieta di eseguire qualsiasi trattamento con fitofarmaci ed erbicidi alle piante legnose ed erbacee di interesse agrario, ornamentali e spontanee, che possa essere dannoso alle api dall’inizio della fioritura (potranno essere eseguiti trattamenti fitosanitari su colture legnose, ornamentali e spontanee al di fuori del periodo di fioritura previa eliminazione o appassimento naturale della eventuale flora in fiore sottostante);
  7. intraprendere un’azione di lotta alle zanzare concentrandosi sulla prevenzione e privilegiando interventi larvicidi basati sull’uso di prodotti biologici (a base di Baciilus thuringiensis israelensis);
  8. sostenere e promuovere iniziative a sostegno dell’apicoltura quali eventi, mostre, convegni, premi, etc., anche in collaborazione con altri Comuni, ivi incluso la realizzazione di azioni concrete e simboliche nella propria città al fine di sensibilizzare la cittadinanza, quali ad esempio la realizzazione di un “Giardino delle api” (con piante nettarifere o aromatiche, e eventuali arnie dimostrative), l’ideazione di percorsi didattico-informativi, l’utilizzo delle api come tema artistico-decorativo nei progetti di riqualificazione urbana e di decoro della città (sul modello street art), etc.;
  9. promuovere iniziative di informazione e sensibilizzazione sul valore di Bene Comune dell’Apicoltura, coinvolgendo in particolare le scuole di ogni ordine e grado del proprio territorio;
  10. condividere i contenuti della campagna attraverso i propri canali informativi, mettendo sul proprio sito internet e pagina facebook il link della campagna non appena disponibili.

Allegati

Condividi sui seguenti social: